Tag ricorrenze


RIPRODUCI I CONTENUTI SELEZIONATI

88 miglia all'ora: 17 maggio 1972

Il 17 maggio 1972 veniva ucciso Luigi Calabresi, capo commissario impegnato nell'indagine della strage di piazza Fontana. La sua storia si intreccerà con quella di Giuseppe Pinelli, anarchico caduto da una finestra del commissariato durante un interrogatorio.

88 miglia all'ora: 10 maggio 1940

10 maggio 1940: l'armata nazista non sembra avere ostacoli e punta dritta verso la Francia. Nello stesso giorno, dall'altra parte della Manica, Winston Churchill, l'uomo dell'ora più buia, diventava primo ministro del Regno Unito.

88 miglia all'ora: 3 maggio 1968

Il 3 maggio del 1968 divampavano in tutta Parigi le proteste degli studenti. È l’inizio della protesta più incandescente del ‘68, che durerà per l’intero mese e verrà rinominata come “Maggio francese”

88 miglia all'ora: 19 aprile 1961

Poche migliaia di persone, tra esuli e mercenari, il 17 aprile 1961 sbarcano a Cuba. Due giorni dopo quell'invasione guidata dalla Cia fallirà miseramente. L'evento sarà l'inizio di de-escalation che porterà il mondo alle soglie del conflitto nucleare tra Urss e Usa

88 miglia all'ora: 12 aprile 1861

La guerra civile americana non fu semplicemente il conflitto tra due mondi, quello sudista e quello nordista, ma fu uno dei primi conflitti industriali della storia. Le invenzioni tecnologiche resero ancora più distruttivi questi conflitti, cancellando per sempre l’ideale della guerra gloriosa

88 miglia all'ora: 5 aprile 1930

Gandhi è stato uno dei personaggi più importanti del ‘900. La sua celebre protesta pacifica ha influenzato migliaia di persone in tutto il mondo che hanno ammirato le grandi gesta di quel piccolo uomo, come la più celebre manifestazione che la storia ricordi: la marcia del sale. Il 5 aprile 1930, Gandhi e l’intero popolo indiano, concludevano il primo, importante passo per l’indipendenza, per liberarsi dal dominio coloniale del Regno Unito

88 miglia all'ora: 29 marzo 1951

Il 29 marzo 1951, Julius e Ethel Rosenberg vengono arrestati con l’accusa di aver passato documenti sull’atomica all’Unione Sovietica. Inizia così “Il caso Rosenberg”, uno dei più misteriosi dell’intero ‘900, che si concluse drammaticamente con la condanna a morte dei due coniugi Rosenberg