Terremoto. Il giorno prima - Puntata 5: Io non rischio

In questo penultimo appuntamento con le pillole di prevenzione civile scopriamo tutte quelle situazioni che, in caso di terremoto, possono rappresentare un pericolo concreto per i cittadini. In apertura, il ricordo del terremoto dell'Aquila, nel racconto di Vittoria Marletta

Il sistema più efficace per difendersi da un pericolo è conoscerlo. Questo vale per i rischi a cui è soggetto il proprio territorio, la propria città, gli edifici che giornalmente ci ospitano: la scuola che frequentiamo, il posto di lavoro nel quale ci rechiamo, la nostra stessa casa.

Ma quanti di noi conoscono o intuiscono i rischi che si nascondono, ad esempio, all’interno delle case?

Il “nido” per antonomasia è generalmente reso accogliente, comodo, funzionale. Ma può trasformarsi in una pericolosa trappola quando è sottoposto alle oscillazioni di una scossa sismica, a causa degli arredi o degli stessi oggetti.

Con Vito Baturi, disaster manager e volontario della Protezione civile, scopriamo tutte quelle situazioni che, in caso di terremoto, possono rappresentare un pericolo concreto per i cittadini che non attuano per tempo un efficace piano di prevenzione, fatto di norme comportamentali e di accorgimenti di autotutela, a partire dal proprio luogo di residenza.

In apertura, il ricordo del terremoto dell’Aquila, nel racconto di Vittoria Marletta.


Vedi anche